Il progetto pilota “Ecoselvofiliera”, nato con lo scopo di integrare nella filiera agroalimentare una risorsa naturale rinnovabile ad oggi di fatto non commercializzata e prevalentemente causa di danni alle produzioni agricole e pericolo per la sicurezza stradale, si caratterizza per un approccio multidisciplinare che prende in considerazione gli aspetti della gestione faunistico venatoria, l’igiene e la qualità degli alimenti, l’attività economica locale, coinvolgendo partner di settori diversi in Associazione Temporanea di Scopo (A.T.S.).

Partenariato (A.T.S.)

Capofila – Società Agricola “Serra Brunamonti” Srl – è l’azienda agricola consorziata della più ampia AFV “Schifanoia” (2.420 ha), ubicata interamente nel comune di Gubbio (PG) che si estende per una superficie di 763 ettari, in un unico corpo, ad una altitudine sul livello del mare variabile tra i 320 e 670 metri. Partecipa al progetto con il ruolo di capofila, coordinando, a mezzo del proprio amministratore e rappresentante legale Dott. Agr. Alessandro Monacelli, le fasi dell’intera filiera.  In particolare ha provveduto a: eseguire i monitoraggi degli ungulati nelle varie zone del territorio aziendale; acquisire tutte le autorizzazioni necessarie per gli abbattimenti; organizzare nei modi e nei tempi i prelievi degli animali;  coordinare il personale dipendente, abilitato e formato, durante i prelievi e le operazioni di eviscerazione; attivare il partner di filiera per il campionamento; attivare il partner di filiera per il trasporto, a mezzo furgone frigo, al centro di lavorazione; disbrigo pratiche burocratiche presso uffici USL; organizzazione del trasporto delle mezzene, dal centro di lavorazione al laboratorio di sezionamento; controllo del rispetto del protocollo di filiera.

Partner – Università degli Studi di Perugia – Dipartimento di Medicina Veterinaria – è l’organismo di ricerca che si è occupato di validare le analisi dei processi e dei prodotti, con controlli chimico-fisici, sanitari ed organolettici. Ha inoltre garantito il corretto svolgimento delle fasi operative del progetto ed il trasferimento e la divulgazione delle tecnologiche innovative, partecipando alla stesura di due manuali.

Partner – Fazi Carni e Salumi di Fazi Mauro– è un’impresa agroalimentare di Gualdo Tadino (PG) che opera nel settore della lavorazione, trasformazione e commercializzazione di carni di suino. Nel partenariato ha eseguito il sezionamento, la trasformazione, la preparazione ed il confezionamento delle carni ed ha avviato gli adeguamenti strutturali per il riconoscimento come Centro di Sosta della Selvaggina (Reg. CE 853/2004) così da poter concentrare tutta la fase post mortem del capo in un unico centro. Nel periodo di transizione, si è avvalsa del mattatoio comunale di Gualdo Tadino (uno dei quattro centri di lavorazione regionale autorizzati, tre pubblici ed uno privato) per lo scuoiamento e riduzione in mezzene delle carcasse.

Partner – Ditta Boschiva Fioriti – è l’impresa forestale che nel partenariato ha avuto l’importante compito di provvedere, con l’ausilio di manodopera specializzata, alla realizzazione di altane e punti di vantaggio, necessari per il monitoraggio delle popolazioni e per l’attuazione del prelievo degli animali. In aggiunta, ha provveduto, nei boschi non fruibili al transito, alla ripulitura di strade di esbosco, vecchi transetti, viottoli e sentieri, per consentire il collegamento di zone isolate ed un accesso agevole dei selettori ai punti di avvistamento, alle altane ed alle zone di alimentazione.